Il parto è la fine eccitante di nove mesi di gravidanza e l’inizio di una maternità ancora più eccitante, quindi è naturale che voi vogliate che sia tutto perfetto. Tuttavia, la nascita di un bambino, può essere un evento imprevedibile ed è importante comprendere che potrebbe succedere che le cose non vadano così perfettamente come avevate immaginato. Per esempio, potreste scrivere nel programma per il parto, che volete avere un parto naturale vaginale, cosa che potrebbe essere esattamente quello che riceverete. Tuttavia, se voi o il bambino siete in pericolo, il medico potrebbe essere forzato ad effettuare un parto cesareo per far uscire il bambino il più velocemente possibile, e mettere tutti e due al sicuro. I medici sono sottoposti ad anni di studio e di esercitazione per poter far partorire i bambini nel modo più sicuro possibile, e la loro competenza medica e le loro raccomandazioni devono definitivamente essere prese in considerazione anche se contraddicono il vostro programma per il parto. Quindi, è importante sentirsi a proprio agio con il vostro medico ed alla fine fidarsi del suo giudizio.

Comunque, un programma di nascita può anche essere uno strumento molto efficace nel farvi da guida per il vostro giorno speciale. Molte donne si sentono molto più tranquille in questa situazione se hanno un’idea di come le cose procederanno.

Aspetti del parto su cui avrete una buona dose di controllo, anche se dovrete far conoscere le vostre volontà alla famiglia ed agli amici:

–       Chi baderà ai vostri altri bambini (se ne avete)?

–       Cosa avete bisogno di portare e cosa volete portare con voi in ospedale?

–       A che punto andrete all’ospedale? Volete andarci il prima possibile o volete passare il periodo del travaglio per un po’ a casa? Il vostro medico vi ha fornito delle istruzioni specifiche (es. contrazioni ogni 5 minuti per almeno un’ora) su quando capire che è il momento di andare all’ospedale? Avete un numero di telefono che potete chiamare 24h su 24h nel caso aveste qualche dubbio?

–       Chi volete che ci sia nella stanza insieme a voi fino al momento del parto o durante il parto? (alcuni ospedali hanno dei limiti nel numero di persone permesse all’interno della sala)

–       Volete che la famiglia e gli amici siano nella sala d’aspetto mentre voi siete nel travaglio o volete che aspettino a casa e che vi vengano a visitare più tardi?

–       Siete d’accordo sul ricevere visite immediatamente dopo aver partorito o prima volete passare un po’ di tempo da sola con il bambino ed il vostro partner?

–       Volete che qualcuno riprenda il parto? E se sì, dove volete che focalizzi l’inquadratura della videocamera?

–       Siete d’accordo riguardo alla presenza di studenti di medicina o di scienze infermieristiche nella stanza?

–       Avete qualche musica particolare o un DVD che vorreste venisse trasmesso mentre siete in travaglio?

–       Una volta che il bambino è nato, avete in programma di allattarlo al seno oppure no? Volete che il bimbo o la bimba stia con voi durante la notte o che stia in infermeria?

Dovreste preparare un programma sperimentale per quanto riguarda:

–       Volete delle medicine per il dolore? Un’epidurale? Solo il Tylenol?

–       Se non volete dei farmaci per il dolore, come farete a sopportare il dolore? Camminando? Cambiando la posizione? Facendo una doccia o un bagno? Respirazione e tecniche di rilassamento. Se avete intenzione di seguire questo metodo, un corso di parto naturale potrebbe essere molto utile.

–       Chi volete che tagli il cordone ombelicale?

–       Volete che qualcuno vi dica il sesso del bimbo/bimba per voi? O volete controllare voi stesse?

–       Volete tenere in braccio il vostro bimbo subito dopo il parto o volete che prima venga pulito?

E’ importante tenere a mente che potreste cambiare la vostra idea riguardo alle medicine per il dolore durante il progredire del travaglio, e questa è una cosa normale. Se la sicurezza o la salute del bambino sono in pericolo, è probabile che lui o lei venga trattato e stabilizzato prima che possiate tenerlo in braccio. Quindi, è importante mantenere uno stato mentale flessibile quando si scrive questo programma.

Potete includere nel programma anche delle preferenze mediche o potete semplicemente lasciarle al vostro medico:

–       Siete d’accordo ad un’episiotomia se il vostro medico la raccomanda?

–       Siete d’accordo riguardo ad un parto assistito (es. forcipe)?

–       Siete d’accordo ad utilizzare medicinali o a farvi rompere le acque per velocizzare il travaglio?

–       Volete essere costantemente collegate ai monitor per misurare le vostre contrazioni ed il battito cardiaco fetale, o vorreste essere libere di fare due passi? (Se farete l’epidurale, molto probabilmente potrete solo rimanere a letto)

–       Fatevi dire l’idea del vostro medico riguardo all’induzione e poi decidete se è una cosa che volete considerare nel caso aveste la possibilità di scegliere. Alcuni medici possono permettere l’induzione già alla 38° settimana se siete ansiose, mentre di solito si aspetta fino alla 40° o 41° settimana a meno che non ci sia una ragione medica per partorire prima (es. pre-eclampsia, stress fetale, o restrizione della crescita intra uterina). Molti medici inoltre richiederanno un’induzione se il travaglio non sarà iniziato spontaneamente entro la 41° o 42° settimana, per diverse ragioni: es. Il bambino è più probabile che abbia il suo primo movimento intestinale prima della nascita, cosa che può causare dei problemi respiratori al bambino . Oppure la placenta inizia a deteriorarsi, significando che l’apporto di nutrimenti al bambino inizia a diminuire. Oppure i livelli di liquido amniotico iniziano a diminuire. Oppure il bambino post-termine spesso è anche più grande della media e quindi c’è un rischio maggiore che rimanga incastrato durante il parto vaginale, richiedendo un parto assistito, o un parto cesareo o la rottura di un osso (di solito la clavicola).

Avere un programma e conoscere cosa ci si può aspettare, può esservi molto d’aiuto nel farvi sentire più sicure e rilassate avvicinandovi al giorno del parto. Tuttavia, non dovete fissarvi a tal punto da disperarvi nel caso ci sia un cambiamento di programma, o da insistere nel voler fare qualcosa che possa mettere in pericolo voi o il vostro bimbo. Quando preparate il programma, focalizzate la maggior parte della vostra attenzione sugli aspetti che potete controllare e siate flessibili con il resto!

Commenti

commenti